Published On: mer, Mar 28th, 2018

Alleanza nord-sud un po’ come al cinema

Share This
Tags

di MARCELLO VALENTINO – Alleanza nord-sud un po’ come al cinema. Cosa vi aspettavate? Un governo s’ha da fare e governo facciamo. Mai con la Lecca… mai con i cinque stecche… e invece eccoci qua che cominciamo a dividerci le poltrone; un contentino al berlusca, il resto è cosa nostra, eh sì… è proprio cosa nostra. Cosa vi aspettate da un accordo tra Salvini e di Maio, un bel governo? Beh, non credo che lo sarà. Facciamo un po’ il punto della situazione: secondo voi dei terroni possono andare d’accordo con dei polentoni? probabilmente sì… ma, comunque sia, sarà una lotta dura, anche se per le poltrone tutti passerebbero anche sul proprio cadavere senza nemmeno riconoscerlo. Ma aspettiamo e vedremo come andrà a finire. Questo primo round ha dell’incredibile, ma siamo solo al primo round, però, guardando gli interessi in gioco, c’è da scommettere che tutte le cose promesse agli italiani in campagna elettorale saranno anche questa volta una pura chimera. Due su tutte il reddito di cittadinanza e le pensioni d’oro o vitalizzi. Adesso giochiamo un po’: Giggino Di Maio è nato ad Avellino, paese di “demitiana” memoria, e ha sempre vissuto a Pomigliano D’arco a quattro passi da Acerra, paese notoriamente camorristico, dove è stato eletto con un suffragio, ma aveva di fronte quella merdaccia di Sgarboooo. Gigino è un bravo guaglione, appunto, ma è solo un bravo guaglione, non credo che avrà la stoffa per fare il premier; penserà Salvini… “Questo me lo mangio a colazione”. Se governo ci sarà, sarà tutto un compromesso, e questo ai cinque stecche non è mai andato giù, ma oggi pur di governare mangerebbero anche polenta e osei. Il problema è farla digerire a quelli che li hanno votati, ma questo è il problema anche della lecca, nonostante loro ci siano abituati… hanno persino perdonato Bosso e famigliola allargata. Insomma, è tutta una prova del cuoco se il piatto sarà digeribile o meno. Ne vedremo e sentiremo delle balle, ma comunque meglio che brutte. Ve la immaginate l’ipotesi del solo taglio dei vitalizi e del bordello che scatenerà? ma statene certi, non succederà…. In politica tutto cambia dopo il voto e a noi miseri spettatori non resta che pagare il biglietto d’ingresso, ancora una volta. Holà, come va in Catalogna? Non è che adesso il governo spagnolo emetterà un ordine di arresto per tutti i catalani? E sì, perché quelli che sono in piazza non è che la pensino diversamente dai loro parlamentari eletti democraticamente, evidentemente la Spagna è rimasta un paese fascista e di democrazia non ne vuole sentire nemmeno parlare, ma non crediate che il resto d’Europa sia diverso. Noi semplicemente viviamo tutti sotto la dittatura delle Banche e le banche, si sa, non sono mai state né democratiche né a buon mercato, poi senza banche come e cosa fai? Democrazia? Democrazia? Democrazia una bella mazza… ma da baseball… indovinate per farne che cosa? La democrazia è l’unica cosa che si ottiene combattendo ma che subito dopo si trasforma come la verità, che non si sa mai cosa e dove sia. Ma andiamoci piano, tanto come va, va… Non si andrà mai molto lontano, se non alle prossime elezioni.

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette