Nove abitanti di un villaggio nell’estremo sud della Thailandia dove sono attivi ribelli musulmani sono stati uccisi e due sono rimasti feriti nel distretto di Yala, per un’esplosione al passaggio del loro convoglio. Lo riferisce la polizia thailandese, citata dal sito del quotidiano The Nation. L’agguato è l’ennesima dimostrazione di un ritrovato attivismo da parte del movimento di etnia Malay che lotta per una maggiore autonomia da Bangkok e la cui guerriglia ha causato circa 4.500 morti.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: