I ministri confermati nel nuovo governo tunisino hanno ‘sempre agito per preservare l’interesse nazionale’ e ‘hanno le mani pulite’, ha detto il premier tunisino Mohammed Ghannouchi, aggiungendo di ‘aver avuto l’impressione’ che Leila Trabelsi, moglie dell’ex presidente Ben Ali, dirigesse il Paese ‘alla fine del regno’ dell’ex uomo forte di Tunisi. Ed ha annunciato che il leader del partito islamista Ennahda messo al bando da Ben Ali, ‘rientrerà in Tunisia solo dopo una legge di amnistia’.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: