di Darina Zequiri

Il 31 gennaio scorso ha preso il via l’attuazione del Decreto Flussi 2011 che porterà alla regolarizzazione di oltre 98 mila stranieri in Italia, di cui 16 mila conversioni da studio a lavoro. Una “sanatoria”, anche se ci spingono a non chiamarla tale, che teoricamente verrebbe incontro all’alta offerta di lavoro per le braccia straniere in terra nostrana. Ma, come tutti sappiamo, queste braccia in Italia ci sono già, quindi, facendo finta di non sapere, questa “sanatoria” porterà alla regolarizzazione di oltre 82 mila extracomunitari clandestini in Italia.

Secondo i dati Istat, nel 2009 in Italia soggiornavano  oltre 400 mila clandestini. Nel precedente decreto flussi che risale al 2007 sono state presentate oltre 700 mila domande per via telematica appoggiandosi alle Poste ed ai Patronati su 170 mila ammesse dal Decreto. Un numero  chiaramente insufficiente che ha dato via al diffondersi dei sentori di truffa, come nel caso degli immigrati su una gru a Brescia, di cui la cronaca a trattato a lungo.

Il decreto flussi 2011 però , sopranominato il “day click” ,  si è affidato alla più veloce linea adsl. Infatti, tutti gli interessati extracomunitari dovranno compilare fornendo i dati richiesti inchiodati innanzi ad un computer al sito del Ministero dell’Interno a partire dalle ore 8 del 31 gennaio.

Tralasciando l’italiano ufficiale burocratico che spesso diviene incomprensibile anche per gli autoctoni, la difficoltà maggiore a far parte di questo sistema nasce soprattutto dalla velocità nella spedizione della richiesta per la regolarizzazione della propria situazione clandestina. Anche perché, l’ora che conta non è quella segnata dal computer del clandestino che invia la domanda ma quella che segna il server del Ministero dell’Interno , la quale per ogni server che si rispetti, è oscura a tutti. Quindi l’orario che risulterà al mittente quasi certamente sarà anticipato o superato da quello che registrerà il server del Ministero. Saranno proprio questi attimi oscuri che renderanno accettabile o meno la richiesta da parte di un clandestino. Basti pensare che nel 2007 entro i primi 15 minuti dall’apertura degli sportelli delle Poste è stato superato largamente il numero delle quote a disposizione Quindi non più meritocrazia ma fortuna!

Sembra inoltre, sfuggire a questo decreto la  presenza della comunità cinese in Italia. Una delle più diffuse quante sconosciute. Infatti, se le quote  a disposizione per gli albanesi sono 4500,per i moldavi 5200 e cosi via raggiungendo il massimo complessivo decretato, della comunità cinese non si vede l’ombra. Già, perché facendo finta che non sia una sanatoria ma, un permesso di lavoro per chi vorrebbe entrare in Italia, si esclude cosi la comunità cinese  che non ha visto realizzarsi tra l’Italia ed il proprio governo gli accordi previsti.

Fingeremo che non esistano!?…

È cosi, via fingendo che le 98 mila quote adempiano alla necessità del nostro mercato e che il click  day  sia la migliore delle vie di regolarizzazione, rimane di augurarsi che una volta terminato il tempo a disposizione per l’applicazione, 3 febbraio prossimo, si possano valutare le tracce delle richieste inviate. Con assoluto mancato stupore si avrà l’ennesima conferma che questa corsa che premierà non i più bravi ma i più abili, nonché fortunati, con la QWERTY (tastiera) sarà stata affrontata da chi si trova già in Italia ed è quindi inutile presentare un Decreto apparentemente non discriminatorio  quando si sa ancor prima  che i numeri che prevede non saranno altro che una goccia nel mare turbolento dell’immigrazione già presente in Italia.

1 Comment

    Più che giusta la denuncia di Zeqiri. I cosiddetti Decreti Flussi del nostro governo non fanno altro che spalancare le porte al crimine. Appunto i cinesi, perché si lasciano nel dimenticatoio? Perché si fa finta di non vederli? E’ mai possibile che non se ne parla ne sulla cronaca nera e ne quella bianca?
    Sottolineo la linea di Zeqiri. Mi fa piacere incontrarla anche in questa testate.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: