Le elezioni presidenziali in Tunisia si dovranno tenere non più tardi di metà luglio. A sostenerlo è il capo della Commissione sulle riforme, Ben Ashur, il quale propone di sciogliere il Parlamento e istituire un’Assemblea costituente che scriva la nuova Costituzione. Nel Paese la tensione è ancora altissima. I servizi di sicurezza hanno arrestato “un gruppo di pericolosi criminali armati” ritenuti vicini al regime del deposto presidente Ben Ali cui hanno equestrato un arsenale in loro possesso.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: