In Azerbaigian domani scenderanno in piazza i cittadini autoconvocati attraverso appelli pubblicati su Facebook e su altre piattaforme sociali di Internet. Una modalità di convocazione, in un paese abitato per il 90 per cento da islamici, che trae ispirazione dalle manifestazioni che, in Egitto, sono riuscite a rovesciare il regime Mubarak. Le autorità azere fanno sfoggio di una certa sicurezza dichiarando che “il presidente Aliev ha un alto tasso di fiducia” e che “tutti gli appelli per manifestazioni di protesta non otterranno il sostegno popolare”.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: