Il Governo vara la riforma costituzionale della giustizia e avvia la lunga sfida alle opposizioni, che restano divise fra i no di Pd e Idv e le aperture segnate da qualche diffidenza di Fli e Udc, e alla magistratura associata, che ha già bocciato la proposta definendola “punitiva” e si prepara alla mobilitazione, senza escludere il ricorso agli scioperi. Silvio Berlusconi ha conferito grande enfasi all’evento dichiarando che con questa riforma “Mani pulite non sarebbe stata possibile”

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: