L’assassinio di Vittorio Arrigoni a Gaza costituisce “una pagina buia nella storia palestinese”: cosi’ ha commentato l’uccisione del pacifista italiano Saeb Erekat, veterano negoziatore dell’Autorita’ Nazionale Palestinese e braccio destro del presidente Abu Mazen. Gia’ subito dopo il sequestro l’Anp aveva reclamato “l’immediato e incondizionato rilascio dell’attivista italiano, che lavora a sostegno della causa e del popolo palestinesi”. Arrigoni risiedeva nell’enclave dall’agosto 2008.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: