Gli insorti libici hanno preso il controllo del confine di Wazzan, uno dei principali tra Libia e Tunisia. A Misurata intanto i corpi dei due fotoreporter uccisi mercoledì sono stati imbarcati sulla nave dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni Oim assieme a quella di un medico ucraino morto. Viaggeranno assieme a oltre mille migranti evacuati da Misurata, con destinazione Bengasi. Nel frattempo dalla televisione di stato libica giungono gravi minacce per Italia, Francia e Gran Bretagna. Le tre nazioni europee sono state definite “Stati neocrociati”, dopo l’invio di militari ed ufficiali in supporto i ribelli libici. Il ministero degli Esteri della Libia ha emesso una nota in cui dichiara, “Questi Paesi devono stare attenti alle conseguenze di una simile decisione”.



Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: