È di almeno cinque civili uccisi e oltre un centinaio di feriti il bilancio, riferito da attivisti e dissidenti siriani, dell’attacco militare sferrato ieri all’alba dall’esercito di Damasco, che ha fatto uso anche dell’artiglieria pesante contro due località a nord della capitale. I residenti erano scesi a migliaia in strada venerdì scorso nell’undicesima settimana consecutiva di proteste anti-regime. Nella stessa giornata tre manifestanti sono stati uccisi in Yemen a sud della capitale Sana’a dove sono stati registrati decine di altri feriti da colpi di arma da fuoco sparati dalla polizia per disperdere una manifestazione contro il regime del presidente Saleh.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: