Una piccola cooperativa biologica della provincia di Uelzen, in Germania, sarebbe l’origine del batterio killer che ha ucciso venti persone. A riportare la notizia è il ministro dell’Agricoltura della Bassa Sassonia. I germogli di soia sono un alimento che va mangiato crudo, e per questo ha potuto veicolare il batterio. L’azienda è stata chiusa ed i prodotti incriminati tolti dal mercato. Non sarebbe la prima volta che i germogli di soia causano un’epidemia del genere.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: