Il portavoce del governo libico Mussa Ibrahim ha affermato oggi che nei raid della Nato dal 19 marzo al 26 maggio sono morti 718 civili ed altri 4067 sono rimasti feriti. La Nato non intende fare supposizioni sui sei soldati stranieri a fianco degli insorti mostrati ieri dalla tv satellitare araba Al Jazira in un video girato dalla troupe di uno dei suoi giornalisti in Libia, Tony Birtley, secondo il quale sono “probabilmente britannici”. “C’é solo una risposta: la Nato non ha uomini e scarponi sul terreno”, ha scandito il portavoce militare Mike Bracken, in un incontro stampa tra Napoli e Bruxelles.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: