Una ricerca in corso, dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma, mira a ottenere nuovi parametri di laboratorio per identificare più precocemente quei pazienti che sono a maggiore rischio di sviluppare malattie epatiche gravi e di conseguenza mettere in atto interventi per migliorare la loro qualità di vita. Lo studio è inoltre volto ad individuare nuove possibilità immunoterapeutiche per migliorare le potenzialità curative delle attuali terapie, che riescono a guarire l’infezione cronica da virus C in non più del 50% dei casi.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: