La situazione a Fushima si aggrava ogni giorno di più. E’ questo il dato allarmante di una mappatura aggiornata della radioattività presentata in un recente incontro al ministero della Scienza. Il cesio è oltre i limiti che hanno fatto scattare l’allarme evacuazione a Chernobyl in ben sei municipalità: Okumamachi, Futabamachi, Namiemachi, Tomiokamachi, Iitatemura e Minami-Soma. Nel suolo in 34 aree della prefettura di Fukushima sono stati rilevati più di 1,48 milioni di becquerel per metro quadrato di cesio 137, il limite scelto per mettere in sicurezza i residenti dopo l’emergenza in Ucraina. Nel complesso le emissioni di eradioattività calcolate sono state pari a un sesto di quelle provocate dalla catastrofe del 1986.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: