Per evasioni oltre i tre milioni di euro non sarà più possibile beneficiare della sospensione della pena, prevista dall’attuale normativa. E’ quanto prevede uno degli emendamenti alla manovra, presentati dal ministro dell’Economia, Giulio Tremonti e dal relatore Antonio Azzollini.  Un altro emendamento prevede che saranno pubblicati on line, sui siti dei comuni, i redditi di ”categorie di contribuenti o di redditi”. Sarà un un decreto del presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del del ministero dell’Economia, d’intesa con la Conferenza Stato-città e autonomie locali, a stabilire ”i criteri e le modalità per la pubblicazione, sul sito del comune, dei dati relativi alle dichiarazioni, anche con riferimento a determinate categorie di contribuenti ovvero di reddito”.
Saranno inoltre individuati ”gli ulteriori dati che l’Agenzia delle entrate mette a disposizione dei Comuni e dei Consigli tributari per favorire la partecipazione all’attività di accertamento, nonché le modalità di trasmissione idonee a garantire la necessaria riservatezza”. I consigli tributari presso i comuni, spiega Tremonti, presentando il pacchetto di misure anti-evasione che saranno inserite in manovra, ”riceveranno i dati dalle agenzie delle entrate e avranno una funzione di controllo”. Al fine di incentivare la partecipazione dei comuni, si legge nell’emendamento, ”la partecipazione dei comuni all’attività di accertamento tributario è elevata al 100%”.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: