Forze britanniche e statunitensi hanno liberato oggi con un blitz la motonave italiana Montecristo, sequestrata ieri, e hanno arrestato gli 11 pirati a bordo. Lo ha confermato il ministro della Difesa Ignazio La Russa nel corso di una conferenza stampa, specificando che i membri dell’equipaggio non sono mai stati in “diretto” pericolo di vita, essendosi rinchiusi nella zona protetta della nave.

“L’equipaggio si è chiuso nella parte protetta della nave, la cosiddetta Cittadella, da dove ha potuto continuare a governare (la nave)”, ha spiegato il ministro.

“Per cui i pirati si sono trovati nella impossibilità di utilizzare l’arma principale che hanno in questi casi, cioè quella di attentare o minacciare la vita degli ostaggi, che ostaggi non erano”.

Le due unità della Marina Usa e britannica “hanno operato sotto la direzione dell’ammiraglio italiano Gualtiero Mattesi, in qualità di comandante della Task Force dell’operazione Nato Ocean Shield che svolge attività di contrasto alla pirateria nel bacino somalo”, ha riferito in una nota il ministero degli Esteri.

L’operazione Ocean Shield è comandata da una nave italiana, la Andrea Doria, e comprende altre quattro imbarcazioni, due americane, una portoghese e una britannica, la Fort Victoria, che ha poi condotto il blitz. Forze britanniche e statunitensi hanno liberato oggi con un blitz la motonave italiana Montecristo, sequestrata ieri, e hanno arrestato gli 11 pirati a bordo. Lo ha confermato il ministro della Difesa Ignazio La Russa nel corso di una conferenza stampa, specificando che i membri dell’equipaggio non sono mai stati in “diretto” pericolo di vita, essendosi rinchiusi nella zona protetta della nave. “

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: