I freno di Obama sono Europa e Cina. La prima individuata come ”il maggiore ostacolo” per la fragile crescita americana. La seconda accusata di ”non fare abbastanza” sul fronte della volatilita’ dei cambi. Il presidente statunitense convoca i giornalisti per lanciare l’ennesimo appello al Congresso, perche’ i parlamentari approvino velocemente il suo piano per la crescita e l’occupazione.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: