L’ex dirigente di Parmatour la società turistica in capo al patron Tanzi è stato accusato di riciclaggio aggravato e falsificazione di documenti dalle autorità giudiziarie svizzere. Catelli sarà così giudicato dal Tribunale penale di Bellinzona. La procura elvetica in una nota ha spiegato che le contestazioni a carico del Nicola Catelli “costituiscono il seguito di distrazioni di denaro commesse tra il 1994 e il 1996 dall’imputato o terzi ai danni delle società turistiche del gruppo Tanzi e della Parmalat S.p.A.. All’epoca dei fatti, l’imputato o i suoi complici ricoprivano delle cariche all’interno delle società turistiche del gruppo Tanzi, implicato nel dissesto finanziario del gruppo alimentare Parmalat”. Il Catelli avrebbe quindi distratto ben 8 milioni di euro su vari conti bancari ticinesi attraverso dei fiduciari, denaro attualmente sequestrato dalle autorità elvetiche.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: