Un anno di prigione e novanta frustate. Questa la condanna inflitta a Marzieh Vafamer, attrice iraniana protagonista del film My Teheran for sale, che racconta le difficoltà incontrate dagli artisti nella repubblica islamica. La notizia è stata diffusa dal sito di opposizione kalame.com. Contro la sentenza, emessa sabato, l’avvocato della donna ha presentato appello. Nel film, diretto dal regista Granaz Moussavi, l’attrice apparirebbe peraltro senza hijab, a volto scoperto.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: