L’aula del Senato ha dato stamani il via libera, senza modifiche, al nuovo testo sul rendiconto generale dello Stato per il 2010. Il governo è stato costretto a ripresentare il provvedimento in Senato dopo la bocciatura da parte della Camera la scorsa settimana, evento inedito che ha anche costretto il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, a chiedere la fiducia al suo esecutivo a Montecitorio. Il regolamento della Camera prevede che un testo di legge non possa essere presentato nello stesso ramo nel quale è stato bocciato prima di sei mesi. Da qui la necessità di depositare il nuovo ddl, invariato nei contenuti rispetto al precedente ma nuovamente varato dal Consiglio dei ministri, in Senato.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: