Published On: Gio, Ott 27th, 2011

Test contro i disturbi di stomaco

Share This
Tags
Un test contro i disturbi del tratto gastroenterico: a promuoverlo è Apoteca Natura in collaborazione con SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) grazie all’iniziativa “Stomaco e intestino al centro della tua salute”. Sono per lo più le donne a essere colpite da senso di bruciore allo stomaco, gonfiore e stipsi: 25% contro l’11% degli uomini. Malesseri quasi totalmente dovuti a stili di vita frenetici, allo stress, al nervosismo, all’ansia, oltre che all’abuso di alcolici, caffè, tè o a diete fai da te e ad abiti eccessivamente stretti.

Info sull'Autore

Displaying 1 Comments
Have Your Say
  1. Fabio Pancrazi ha detto:

    Si parla di antiacidi per il bruciore e mal di stomaco – contenenti SODIO BICARBONATO, con la capacità di REAGIRE con gli acidi dello stomaco.

    Allegato IX D.Lgs. 46/1997 emendato col D.Lgs. 37/2010:
    4. Regole speciali
    4.1. Regola 13

    Tutti i dispositivi che comprendono come parte integrante una sostanza la quale,
    qualora utilizzata separatamente, possa essere considerata un medicinale ai sensi
    dell’articolo 1 del decreto legislativo 24 aprile 2006, n. 219 e che possa avere un
    effetto sul corpo umano con un’azione accessoria a quella del dispositivo, rientrano
    nella classe III.

    Questi “dispositivi medici a base vegetale”, se marcati CE, godono degli stessi benefici dei farmaci da banco: DETRAZIONE DEL 19%, pubblicità, ecc.

    Il produttore (non farmaceutico, in questo caso è una S.p.A. Società Agricola) può commercializzare col marchio CE i dispositivi medici di classe I con una semplice autocertificazione, ritengo:

    1) scansando le relative verifiche dell’AIFA (agenzia del farmaco) sulla correttezza delle modalità di produzione (il farmaco da banco non può scansarle);

    2) non essendo così assoggettati alla sorveglianza di un organismo notificato (come lo sono invece i dispositivi medici di classe IIa, IIb e III);

    3) eludendo la normativa europea relativa ai medicinali vegetali tradizionali.

    Questo, a mio parere, è uno stratagemma e come consumatore non mi piace per niente.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Leggi Zerosette online

Edizione dal 15-01 al 26-01-21





Video Zerosette