Al via al polo fieristico di Lucca il confronto tra perizie nell’ambito dell’incidente probatorio per la strage ferroviaria di Viareggio (Lu), che il 29 giugno 2009 costo’ la vita a 32 persone. Presenti nell’aula allestita per l’occasione i rappresentanti di 349 parti coinvolte nell’indagine, che vede indagate 38 persone. Nei giorni scorsi sono state depositate le varie perizie: per i periti del Pm e per quelli delle parti civili, in particolare, lo squarcio sul fianco della cisterna da cui usci’ il Gpl, e’ stato causato da un picchetto mentre per le Fs e’ stato provocato da un elemento non eliminabile dello scambio, la piegata a zampa di lepre. Stessa tesi e’ sostenuta dai consulenti del Gip. All’udienza partecipano anche i familiari delle vittime, arrivati da Viareggio. Sulla recinzione all’ingresso del Centro congressi sono state appese le foto delle persone scomparse nell’incidente e striscioni con scritte come ”Moretti basta.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: