Published On: Ven, Nov 18th, 2011

DIZIONARIO DI POLITICA – Il Manifesto contro l’uguaglianza

Share This
Tags

di Marcello Frigeri

Da questo numero, una volta ogni due settimane, nella pagina di Attualità, parte la nuova rubrica di Zerosette a cura del giornalista Marcello Frigeri, “Dizionario delle idee politiche”. Tratterà argomenti di sociologia e di filosofia della politica. Consultando i più grandi filosofi dall’epoca moderna ad oggi, come Stuart Mill, Benjamin Constant, John Locke ed Edmund Burke, passando anche per Voltaire, Rousseau e Montesquieu, per arrivare infine ai contemporanei come Norberto Bobbio, Giovani Sartori e Massimo Salvadori – per fare alcuni esempi -, si tenterà di dare al lettore delucidazioni esaurienti su argomenti sociologici e politici di estrema attualità come il diritto all’integrazione, il diritto alla diversità culturale, il dispotismo dell’uguaglianza, l’esportazione della democrazia, la disobbedienza civile, il diritto alla ribellione e diversi altri, sottolineando il fatto che le opinioni espresse nella rubrica non sono una verità assoluta e dunque prive di valore dogmatico: ognuno, insomma, è libero di giudicare.

Il diritto all’uguaglianza, come il diritto alla libertà, sono una conquista dell’uomo occidentale da due secoli a questa parte. Quando nel ‘600 John Locke scriveva il fondamentale volume “Due trattati sul Governo”, in Europa si stava piano, piano affermando il pensiero, seppur ancora in termini primordiali e nebulosi, che l’individuo non era più una creazione della società, ma che anzi veniva prima di essa, e che la società era una creazione di più individui: il famoso contrattualismo seicentesco, ovvero il passaggio dallo Stato di Natura allo Stato civile. L’idea, dunque, era che l’individuo aveva sì doveri nei confronti della società, ma allo stesso tempo poteva godere di una sfera privata, e unica per ogni uomo, nella quale il sopruso e la prevaricazione degli altri individui non avevano accesso: è la libertà da (dal potere altrui), o più propriamente chiamata libertà negativa. Ma la libertà negativa, in se’, è quasi un niente, perché si esaurisce nell’affermazione di un’arbitraria indifferenza: la sua passività sta nel fatto che si è sì indipendenti e liberi dal potere degli altri, ma non si è comunque liberi di autodeterminarsi. È il liberalismo monco del ‘700. Intorno all’Ottocento il concetto di libertà assume altri connotati, questa volta positivi: la libertà non è indeterminazione e arbitrio, ma capacità dell’uomo a determinarsi da se’. La libertà negativa consisteva nel negare ogni autorità ed ogni legge; la nuova e positiva libertà (definita libertà di) consiste nel trasferire l’intimità del proprio spirito la fonte dell’autorità e della legge  (libertà di associazione, di religione, di parola, di pensiero, eccetera). Sono i nuovi diritti liberali. Diritti che, presi singolarmente, forgiano la libertà liberale. È solo nel secolo scorso (alla fine della Seconda Guerra) che ai diritti liberali si affiancano i diritti sociali, o di uguaglianza. Diritto alla salute o all’istruzione, per fare alcuni esempi: sono l’insieme delle pretese o esigenze da cui derivano legittime aspettative che i cittadini hanno, non come individui singoli, ma come individui sociali.

Ma che succede quando l’uguaglianza e la libertà finiscono con il diventare dispotismi da esportare? Che succede quando l’uguaglianza, soprattutto questa, sconfina oltre il campo dei diritti sociali e finisce la corsa collimando con la diversità, che è pure anch’essa, se vogliamo, un diritto?Oggi l’universo occidentale sta correndo all’impazzata verso una direzione pericolosa: anziché preservare il tutto mantenendo le parti, tende a trasformare le parti in un tutto. Mi spiego meglio: il movimento della globalizzazione, che nasce nel lontano ‘500 ma si è enormemente sviluppato dopo la Rivoluzione Industriale, sta portando l’uomo alla mondializzazione, la cui tendenza è quella di arrivare ad un unico Stato mondiale, ad un unico governo mondiale e, di conseguenza, ad un unico tipo di individuo: il Grande Consumatore. La diversità, la particolarità, l’individualismo del primo mondo liberale – e non liberista – non esiste più. Se vogliamo, questo meccanismo dell’uomo unico, possiamo dire che nasce proprio dal liberalismo, ovvero dalla sua degenerazione economica, il liberismo. Ma in un mondo siffatto come si potrà dire che al centro di tutto vi è l’individuo? Nelle democrazie liberali, che per questo si distinguono dagli altri regimi, prima della società viene il singolo. Ma se il futuro della democrazia, o dell’umanità, è quello della globalizzazione estrema dove tutti sono uguali, non tanto davanti alla legge ma davanti al mercato unico, che è mondiale, e alle sue etichette omologatrici, che fine farà, e dove sarà disperso, l’individuo e l’indipendenza del suo pensare da unico e non da società? A ben guardare una realtà come questa, dove il Dio unico si chiama denaro, al centro del tutto non ci sarà più l’uomo, ma l’economia, e l’uomo gli girerà attorno. D’altra parte è sotto gli occhi di tutti, la concezione occidentale della globalizzazione è proprio questa: libera circolazione dei capitali e merci ma non degli uomini. Cioè il capitale può andare a cercare la propria collocazione geografica là dove è meglio remunerato, gli uomini, che spesso proprio da quel capitale sono stati resi dei miserabili, no, non avrebbero questo diritto.

L’omologazione, il dispotismo nevrotico dell’uguaglianza, è un processo che parte da quel diavolo invisibile che è l’economia (la Coca Cola, simbolo della globalizzazione, oggi la si trova anche negli angoli remoti del Congo dove, guarda caso, si muore di fame: le lattine d’acqua zuccherata arrivano, ma il cibo neanche a parlarne), ma si manifesta in altri ambiti: è la diversità, oggi, il nemico numero uno. L’Occidente non accetta la diversità, “l’altro” da sé, oppure la accetta ma nella misura in cui si occidentalizza.

Quali le grandi crociate dell’uguaglianza dispotica oggi? Parlo di quelle battaglie che, all’apparenza, mostrano l’animo buono e la buona coscienza del fine, ma che sotto, sotto altro non sono se non il grigiore anonimo dell’omologazione forzata.

Elenco le principali, e saranno gli argomenti di cui parleremo nei prossimi capitoli:

– l’esportazione della democrazia

– l’integrazione

– la tolleranza

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Leggi Zerosette online

Edizione dal 25-11 allo 08-11-20





Video Zerosette