La Turchia ha ormai rotto i ponti con Damasco e ha scelto di appoggiare senza se e senza ma l’opposizione al regime. Ieri ad Ankara il ministro degli esteri Davutoglu ha incontrato una delegazione del fronte anti-Assad. Al di là della frontiera la repressione continua, feroce. Almeno altro 26 persone sono state uccise nelle ultime 36 ore.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: