Contrabbando di «oro nero», petrolio e derivati, per 100 milioni di euro di imposte evase. La finanza scopre la frode e denuncia il titolare di una grossa ditta dell’agro nocerino-sarnese, Giuseppe De Marinis. Il gruppo aveva messo in commercio oltre 20 milioni di litri di prodotti petroliferi senza versare imposte dirette, indirette, accise e Irap. Lo hanno accertato i militari del Comando provinciale di Napoli al termine dell’operazione denominata non a caso «Macchia d’olio». Oltre a De Marinis, ex presidente della Nocerina colpito da un mandato di arresto lo scorso luglio per traffico illecito di prodotti petroliferi e in manette da settembre, sono stati denunciati alla procura della Repubblica di Nocera, per reati fiscali, anche gli altri amministratori del gruppo.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: