In questi giorni dove l’attenzione mediatica è spostata sulle primarie del Pd, sul congresso del Pdl e sulle possibili alleanze per le prossime elezioni, credo sia importante affrontare un argomento concreto sul quale ritengo giusto lavorare anche per il prossimo mandato amministrativo.

D’accordo che oggi la massima attenzione della gestione commissariale è doverosamente incentrata sulla questione economica e sulle società partecipate, ritengo però corretto dare la giusta attenzione agli operatori del commercio e alle tante persone che abitualmente frequentano via Farini ed oggi sono preoccupati.

Lo scorso anno, per la cosiddetta questione della movida e dei problemi che essa portava per la vivibilità del centro e per le istanze di alcuni cittadini, la gestione del commissario ha dato un giro di vite prevedendo una serie di provvedimenti molto restrittivi soprattutto per gli esercizi commerciali.

Dei problemi legati alla movida si è discusso per molto tempo, tanto che durante il mandato amministrativo appena concluso, avevo proposto come presidente di commissione un tavolo di confronto tra amministrazione, associazioni del commercio, esercizi commerciali e una rappresentanza di cittadini residenti. L’obiettivo era quello di trovare il giusto equilibrio che potesse tutelare la movida e al tempo stesso regolamentarla al fine di garantirne un corretto svolgimento e salvaguardare il benessere dei cittadini residenti.

Già in quell’occasione proposi soluzioni relative alla sosta, con parcheggi a pagamento in convenzione, bus navetta dai parcheggi scambiatori, ed anche una proposta decorosa e rispettosa dell’arredo urbano al fine di creare anche servizi igienici in una zona sotterranea. Ovviamente andavano regolamentati anche gli orari e i decibel musicali.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: