Oltre 700mila euro per il commercio parmense. E’ quanto ha ottenuto la Provincia con fondi previsti dalla legge regionale n.41/97 e dalla legge nazionale n. 266/97: risorse che hanno l’obiettivo di qualificare e sostenere le imprese commerciali e gli Enti pubblici che investono in infrastrutture per il settore e per la creazione di Centri commerciali naturali.
“Si tratta di investimenti importanti, che sostengono un settore che vive una situazione di particolare criticità – afferma il vicepresidente della Provincia Pier Luigi Ferrari -. Le domande presentate dagli enti pubblici e dai privati testimoniano la volontà di andare avanti e di qualificarsi pur in un momento di grave difficoltà come quello attuale in cui sono tanti gli esercizi commerciali che purtroppo chiudono i battenti”.  Sono quattro le domande pervenute sulla Legge Regionale 41/97 dai Comuni di Sala Baganza, Salsomaggiore Terme, Traversetolo e Langhirano, con progetti di riqualificazione urbana e per i Centri commerciali naturali, per un investimento complessivo di circa 2mln e 114mila euro. Il finanziamento è di 465mila euro.  L’altra linea di finanziamento è quella fornita con la Legge nazionale 266/97: 272mila euro (di cui 209mila a privati e 63mila a soggetti pubblici) per interventi mirati a rendere competitiva l’offerta commerciale e migliorare il servizio al consumatore attraverso il finanziamento di due azioni. Sull’azione 1, che finanzia investimenti di riqualificazione dei privati e dei Centri di assistenza tecnica nei contesti fragili, sono state presentate 27 domande, per un ammontare di circa 1mln di euro in opere di ammodernamento, finalizzate anche al risparmio energetico, e in interventi di marketing promozionale.  Le domande presentate sull’azione 2, che ha lo scopo di sostenere progetti di valorizzazione commerciale di centri storici, aree urbane centrali e zone a forte vocazione commerciale, sono tre: una del Comune di Parma, una del Comune di Fornovo e una di un’associazione d’impresa, che prevedono interventi su arredo urbano, recupero piazze, spazi pubblici, sulla mobilità e marketing, per investimenti che sfiorano i 422mila euro.  I progetti di pubblici e di privati saranno finanziati secondo una graduatoria stabilita dal Nucleo di valutazione sul commercio: un tavolo di lavoro coordinato dalla Provincia e composto da rappresentanti delle Associazioni di categoria e della Camera di Commercio. I finanziamenti saranno erogati alle aziende private e agli enti pubblici secondo la posizione della domanda in graduatoria, fino all’esaurimento dei fondi disponibili.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: