Published On: Lun, Mag 14th, 2012

Casapound: accuse di aggresione al circolo Minerva. Da sinistra: “Quel covo di fascisti deve chiudere”

Share This
Tags

Nella giornata di sabato ci sono stati attimi di tenzione in via Carmignanim dopo le 19.30. Secondo quanto dicono i presenti ci sono stati scontri violenti tra militanti di Casapound e antifascisti, nei quali, stando alle testimonianze, è rimasta ferita in modo lieve la senatrice Soliani (Pd). Alcuni testimoni parlerebbero di violenze iniziate ad opera dei neofascisti, anche se tra i presenti c’è chi parla di violenze da entrambe le parti, senza distinzione. Di seguito i commenti:

CASAPOUND:  “È degenerato in un confronto fisico l’assalto a colpi di bottiglia contro l’auto di uno dei militanti di CasaPound Italia scatenato da militanti della sinistra estrema durante l’inaugurazione della sede del movimento appena ristrutturata a Parma nel quartiere Montanara”, scrive l’associazione di estrema destra. “A seguito degli scontri la sede di Cpi è stata perquisita da parte delle forze dell’ordine, senza che venisse trovato nulla di animalo. In tempi di crisi non trovano nulla di meglio da fare se non disturbare con atti violenti l’inaugurazione della sede di un’associazione come la nostra, CasaPound Italia, legalmente riconosciuta dallo stato italiano”.

BERNAZZOLI: “Condanno l’aggressione violenta avvenuta nella giornata di ieri [sabato, ndr], per opera dei militanti del circolo di Casa Pound. Oggi [domenica, ndr] sono andato al circolo Minerva, storica presenza nel cuore del quartiere Montanara, per portare la mia solidarietà al presidente e a tutti i soci. Alla luce dei fatti che si sono succeduti nel tempo – connessi alla presenza di Casa Pound – considero incompatibile la presenza di quel circolo con la nostra città, medaglia d’oro della Resistenza”.

PIZZAROTTI: “In relazione ai fatti di violenza che si sono verificati nella giornata di sabato 12, il M5S desidera intervenire per esprimere alcune considerazioni. Premesso che qualsiasi forma di violenza è sempre condannabile e mai giustificabile e che non è chiara la dinamica dei fatti, ci sentiamo di dire che il lavoro svolto in questi anni dal comitato antifascista di via Montanara è sicuramente un bene prezioso nella difesa dei valori e nella riaffermazione di quella memoria storica che gruppi di ambigua formazione cercano di far dimenticare”.

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Leggi Zerosette online

Edizione dal 25-11 allo 08-11-20





Video Zerosette