“Nella Giunta “slow” di Pizzarotti siamo in attesa di conoscere chi sarà l’assessore al sociale (o welfare). Speriamo ovviamente sia una persona competente e che conosca a fondo i servizi sociali, nei problemi come nelle risorse. E speriamo che il sindaco possa individuare un assessore che conosca bene Parma e i suoi processi del welfare, più che mai delicati ed essenziali e che incidono sulla vita di migliaia di cittadini, dai bambini agli anziani alle famiglie in difficoltà e altro ancora. In attesa dell’ultima casella c’è però un altro problema che i parmigiani hanno sempre sottolineato come una delle questioni più rilevanti: la sicurezza. A meno che il sindaco non estragga dal cilindro un esperto di welfare e di sicurezza, questa delega finirà sulle spalle di qualcuno che non conosce la materia o peggio ancora che tratterà la delega in subordine alle altre. Se spetterà al sindaco, come pare non avendola ancora distribuita a nessuno, si avrà necessariamente un peso politico di basso rilievo, impegnato com’è il primo cittadino nel normale svolgimento delle sue funzioni. Ignorando in questo modo una delle principali esigenze e delle prime richieste dei parmigiani. La sicurezza a Parma è una questione di serie B?”

Comunicato Stampa.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: