Published On: Mar, Lug 10th, 2012

Gcr: se il forno non si accende entro il 31 dicembre, Iren perde 40milioni in certificati verdi

Share This
Tags

La frenesia al cantiere dell’inceneritore di Parma era evidente. Poi ieri la notizia che si voleva perfino lavorare di notte, pur di procedere verso il traguardo, ma non si era compreso il motivo reale. Ora finalmente si intravede una risposta plausibile che come al solito ruota attorno ai denari, tanti denari.

Se Iren non accende il forno entro il 31 dicembre 2012, sfumano 40 milioni di certificati verdi.

Lo dice il decreto legislativo 28 del 3 marzo 2011, decreto “Romani” che recita all’articolo 25, comma 1: “La produzione di energia elettrica da impianti alimentati da fonti rinnovabili, entrati in esercizio entro il 31 dicembre 2012, è incentivata con i meccanismi vigenti alla data di entrata in vigore del presente decreto, con i correttivi di cui ai commi successivi”.

Se l’impianto invece partisse dopo quella data la quantificazione degli incentivi subirebbe un drastico ridimensionamento, comportando una perdita complessiva stimata in 40 milioni.

Un dirigente del comune di Parma, in una caldissima assemblea pubblica di qualche anno fa, affermava davanti alla platea che non gli risultava che l’inceneritore di Parma avrebbe usufruito dei certificati verdi.

Ovviamente era una bufala, visto che senza incentivi questi impianti sarebbero diseconomici e le tariffe da applicare ai cittadini salirebbero alle stelle.

Lo Stato sostiene economicamente la produzione di energia da fonti rinnovabile ed inserisce le biomasse tra i combustibili incentivabili. E in Italia il termine biomassa ha una spiegazione “generosa”: la frazione biodegradabile dei prodotti, rifiuti e residui di origine biologica provenienti dall’agricoltura (comprendente sostanze vegetali e animali), dalla silvicoltura e dalle industrie connesse, comprese la pesca e l’acquacoltura, nonché la parte biodegradabile dei rifiuti industriali e urbani.

Ma il sistema certificati verdi, che ha sostenuto tutto il comparto delle fonti rinnovabili (peccato che l’Italia abbia brillato per incentivare anche gli inceneritori), andrà a sparire entro pochi anni.

Il decreto Romani è chiarissimo: abbiamo davanti la progressiva scomparsa dei certificati verdi.

Gli impianti che entreranno in esercizio dopo il 31 dicembre 2012 non saranno più incentivati attraverso questo meccanismo ma con nuove disposizioni in tema di regimi di sostegno dettate dal d.lgs. 28/2011 stesso e da successivi decreti attuativi.

Sta passando l’ultimo tram della notte.

Ma il colosso energetico torinese/genovese lo sta per perdere.

Non è stato nemmeno piantumato tutto il fantomatico boschetto mangia polveri e dalla sua ultimazione deve passare un anno prima di dar fuoco alle polveri…

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Leggi Zerosette online

Edizione dal 25-11 allo 08-11-20





Video Zerosette