Published On: Ven, Lug 6th, 2012

Istituto Luce e You Tube, 30mila video e 40 anni di storia da pochi giorni in Rete

Quarant’anni di video che raccontano la storia del nostro paese ma anche l’evoluzione della societa’ attraverso la tecnologia, l’arte, il cinema, la politica e il costume.

Lo scrittore messicano Octavio Paz diceva: ‘La memoria è un presente che non finisce mai di passare’. E noi, grazie a questo accordo faremo conoscere al mondo, sul canale video online più diffuso, la storia, la cultura e il cinema italiani, valorizzando insieme a Google l’immenso patrimonio audiovisivo dell’Archivio Luce Cinecittà, creato nel lontano 1924″. Così Rodrigo Cipriani Foresio, presidente di Istituto Luce-Cinecittà, saluta nella sede del MiBAC la partnership tra le due società che rende accessibili oltre 30mila video sul nuovo canale www.youtube.com/cinecittaluce

Sono dunque consultabili 40 anni di fimati che raccontano non solo la grande storia del nostro Paese, ma l’evoluzione della società italiana in tutti i suoi aspetti, grazie ai Cinegiornali Luce (1927-1945, 17mila titoli della durata complessiva di circa 400 ore) e alla Settimana Incom (1946-1964, 14mila titoli per circa 350 ore). Per Nicola Borrelli, DG Cinema-MiBAC, si tratta di un’iniziativa importante e innovativa con un partner di prestigio internazionale. E lo testimoniano i primi dati citati dal presidente Cipriani: in 10 giorni 500mila persone hanno già consultato su YouTube i filmati dell’Archivio Luce.

Il Fondo Luce è stato nominato tra l’altro dalla Commissione Italiana Unesco come il candidato ufficiale italiano per l’inserimento nel Registro Unesco ‘Memoria del Mondo’ (Unesco Memory of the World), il programma dell’Unesco volto a individuare e tutelare il patrimonio Memoria del Mondo.

Federica Tremolada, responsabile partnership di YouTube in Italia, sottolinea che gli utenti di YouTube navigheranno in modo semplice all’interno di una mole così vasta di documenti storici, grazie ad apposite playlist tematiche. Inoltre la tutela del copyright è garantita dal Content ID. Grazie a questa tecnologia gratuita di identificazione audio e video del contenuto di YouTube, ciascun titolare può rivendicare la proprietà dei propri contenuti e di conseguenza decidere come gestirli. Tre le opzioni in campo: controllo del video; monetizzazione attraverso la pubblicità; blocco dei contenuti utilizzati senza autorizzazione.

Per il giornalista ed ex dirigente Rai Giovanni Minoli si tratta di un accordo naturale e fisiologico perché una piattaforma come YouTube ha bisogno di essere di continuo nutrita di contenuti, soprattutto per tutti quei giovani che sempre di più studiano e si laureano, utilizzando materiali e immagini di storia italiana.

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Leggi Zerosette online

Edizione dall'11-11 al 24-11-20





Video Zerosette