Published On: Mer, Set 19th, 2012

Latte sì o latte no?

Share This
Tags

di Elisa Cardinali

Quante volte ci siamo sentiti dire dalle nostre mamme e dai nostri nonni “bevi il latte che ti fa bene” oppure “bevi il latte che è ricco di Calcio”! Ma è effettivamente così? Da un punto di vista puramente nutrizionale il latte vaccino è un alimento completo in quanto contiene contemporaneamente carboidrati, proteine e grassi, ma se l’intestino ed il sistema immunitario di una persona sono particolarmente sensibili, il latte non è tra gli alimenti più consigliati.

Infatti, il latte è sottoposto ad un trattamento termico detto pastorizzazione e, quanto più questo trattamento è pesante, tanto più le proteine del latte perdono le loro caratteristiche originarie. Questo processo da origine a proteine denaturate di cui la principale è la caseina che rappresenta l’80% delle proteine del latte vaccino. La caseina denaturata (che tra l’altro è la stessa  sostanza usata per incollare le etichette delle bottiglie!), nel tratto digestivo, produce del muco spesso e filamentoso che altera la permeabilità intestinale dando origine a fenomeni come riniti, dermatiti, coliti, reflusso gastrico, otiti e tonsilliti. Una barriera intestinale più permeabile predispone ad un maggior passaggio di sostanze tossiche con un indebolimento progressivo del sistema immunitario. Non a caso i neonati nutriti con latte materno sono meno soggetti ad infezioni rispetto a quelli nutriti con latte di mucca. Tra l’altro il latte materno è ricco di alcuni amminoacidi liberi che paiono essere specifici per lo sviluppo cerebrale del bambino, mentre il latte di mucca contiene altri amminoacidi liberi come fenilalanina e tirosina che, in eccesso, potrebbero essere anche dannosi per l’encefalo. Inoltre i nutrienti maggiormente presenti nell’ultima “poppata” del latte materno sono i grassi che danno quel senso di sazietà che permette al neonato di auto-regolarsi, a differenza dei preparati artificiali, la cui composizione rimane costante in ogni momento. Per questo i bambini che non sono allattati al seno sono spesso obesi. Infine i consumatori di latte vaccino difficilmente assimilano calcio a sufficienza in quanto la pastorizzazione distrugge l’enzima fosfatasi deputato al suo assorbimento. Il latte crudo è ricco di quest’enzima, ma la pastorizzazione purtroppo lo disperde quasi completamente. Non a caso la dieta degli astronauti, che vanno incontro a fenomeni di demineralizzazione ossea, non contiene tanto formaggio e latte ma è ricca di fonti vegetali di calcio come cavoli, broccoli, fagioli, piselli, alghe, frutta secca, uvetta, semi di lino e girasole e cereali integrali.

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette