“La drammatica vicenda di Telemec – Teleducato deve richiamare l’attenzione di tutte le istituzioni sul momento di gravissima crisi che sta vivendo il mondo editoriale”. E’ quanto sostengono Slc-Cgil, Fistel-Cisl, e Uilcom-Uil di Parma insieme all’Associazione stampa Emilia Romagna in un comunicato congiunto.

Una presa di posizione  dei sindacati confederali dei  tecnici  e di quello unitario dei giornalisti per chiedere agli enti locali e  al mondo politico  di porre attenzione sulla vertenza dell’emittente radiotelevisiva che trasmette nelle province di Parma e Piacenza.

Dopo un  anno di contratto di solidarietà  in  cui  i lavoratori si sono fatti carico delle difficoltà dell’azienda, i rappresentanti di Telemec hanno deciso in modo unilaterale di procedere ai licenziamenti di personale, a cominciare da sette tecnici e impiegati, preannunciando nel frattempo il taglio  di una parte  consistente della redazione, in particolare  fra i giornalisti che lavorano a Piacenza.

Ancora una volta sui dipendenti  si scaricano scelte strategiche sbagliate ed errori gestionali.
Ancora una volta si assiste a una grave crisi editoriale nelle province di  Parma e  Piacenza, dove nell’ultimo anno hanno chiuso  ben tre quotidiani (La Cronaca a Piacenza, Parma qui e La Sera a Parma) con gravissime ripercussioni occupazionali sia fra i giornalisti che fra i poligrafici.

I sindacati chiedono alle istituzioni, ai parlamentari e ai rappresentanti degli enti locali un incontro urgente  sulla situazione del mondo editoriale del territorio.
Aser
Slc-Cgil
Fistel-Cisl
Uilcom-Uil

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: