Published On: Lun, Nov 5th, 2012

A Teleducato arrivano i primi licenziamenti. Cgil: inaccettabile

Dopo averli annunciati, l’azienda ha comunicato i primi 4 licenziamenti ad altrettanti lavoratori (3 di Parma ed 1 di Piacenza). Si tratta di un fatto gravissimo e inaccettabile, non giustificatoda ragioni tecnico-organizzative. Infatti non ci sarebbe nessun esubero, soprattutto dopo le dimissioni che si sono susseguite negli ultimi mesi. Non solo, in questo modo verrebbe meno la possibilità di garantire il normale svolgimento dell’attività aziendale se non fosse che l’azienda ha già deciso di sostituire i lavoratori licenziati con collaboratori esterni. Inoltre, i lavoratori licenziati vengono privati della possibilità di ricorrere a tutti gli ammortizzatori sociali ad oggi disponibili.
Per l’ennesima volta si crede erroneamente di poter risolvere una crisi economico-finanziaria intervenendo sul costo del lavoro, licenziando per poi ricorrere a lavoratori precari e ricattabili mettendo così in discussione il futuro dell’intera azienda ed il modo in cui vi si lavora, oltre al diritto per ogni cittadino ad un’informazione libera e plurale.
Per chiedere l’immediata revoca dei licenziamenti e l’apertura di un tavolo che possa portare all’individuazione di soluzioni alternative, a partire dall’utilizzo degli ammortizzatori sociali in deroga, le segreterie provinciali di SLC CGIL, FISTEL CISL e UILCOM UIL annunciano che i lavoratori di Teleducato sciopereranno per tutta la giornata di martedì 6 novembre attuando un presidio davanti all’azienda a partire dalle ore 18.00 e garantendo la sola lettura dei notiziari.

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Leggi Zerosette online

Edizione dal 25-11 allo 08-11-20





Video Zerosette