Published On: Mer, Nov 14th, 2012

Rete Diritti in Casa al prefetto: “Blocco degli sfratti subito! Firenze è un modello”

Nei giorni in cui ha inizio la serie degli incontri prefissati per tutto il mese di novembre dall’assessore al Welfare Laura Rossi, Rete Diritti in Casa prende posizione sulla questione degli sfratti e delle emergenze abitative ormai purtroppo numerosissime nel Comune di Parma. Ecco il testo dell’intervento:

E’ sotto gli occhi di tutta la città la situazione drammatica che numerose famiglie e singoli stanno vivendo sulla propria pelle a causa dell’emergenza casa. Le cifre, già evidenziate a suo tempo dalla Rete Diritti in Casa parlano chiaro: si parla di 700 sfratti nell’ultimo anno ma per il prossimo saranno certamente raddoppiati. Da una parte infatti la crisi impedisce a moltissime persone di pagare regolarmente gli affitti dall’altra come riconosce anche il comune mancano alloggi e servizi in grado di assistere chi finisce per strada. E’ il momento, signor prefetto di fare scelte coraggiose, bloccare gli sfratti a Parma è un atto di responsabilità e di umanità; è una necessità che oltretutto permetterebbe all’amministrazione di ristrutturare e reperire gli alloggi attualm ente insufficienti. Questo coraggio, signor prefetto non è mancato a Firenze, dove le istituzioni hanno sospeso questo stesso anno gli sfratti per tre mesi, forse troppo pochi, ma è un segnale importante. Lo stesso segnale che sta aspettando ora la città, quella parte di città fatta di persone più povere senza nessuna colpa. E’ il momento di convocare un tavolo sull’emergenza casa, valutare insieme al blocco degli sfratti la tutela per i piccoli proprietari dando la priorità a sospendere l’esecuzione laddove i proprietari invece posseggono molte case.

Valutare inoltre di requisire tutti gli immobili sfitti da anni che consentirebbero di incrementare il patrimonio residenziale pubblico senza dover edificare ancora, cementificando un territorio già altamente martoriato, a vantaggio di pochi speculatori. Valutare infine le misure di pressione fiscale verso ch i mantiene più case sfitte, in attesa, ci auguriamo, di veder modificata l’attuale legge che regola in modo del tutto ingiusto il mercato degli affitti. Questi sono per noi i compiti più urgenti, di fronte ai quali non si può nascondere la testa sotto la sabbia. Continueremo a difendere tutti coloro che, ribadiamo, senza nessuna colpa rischiano di finire per la strada o sono costretti ad occupare le tante case vergognosamente sfitte di questa città, nello stesso tempo ci aspettiamo, signor prefetto un atto coraggioso: le precedenti amministrazioni hanno ridotto questa città come il titanic, ma forse si può ancora evitare l’iceberg

Rete Diritti in Casa

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Leggi Zerosette online

Edizione dal 25-11 allo 08-12-20




Video Zerosette