Published On: Lun, Dic 3rd, 2012

Oggi è la Giornata della disabilità: parole, libri, danza e teatro

disabili

Parole, libri, danza, teatro. Sono le forme scelte dalla Provincia per sensibilizzare l’opinione pubblica sui diritti delle persone con disabilità, in occasione della Giornata internazionale che ricorre il 3 dicembre. Tre appuntamenti, uno il 3 stesso e gli altri due mercoledì 5, per raccontare storie di persone disabili e per mostrarne le tante abilità in diversi campi: per ribadire una volta di più i concetti di dignità, diritti e benessere delle persone disabili accrescendo la consapevolezza del valore dell’integrazione delle disabilità in ogni aspetto della vita sociale.

Lunedì 3 dicembre alle 17,30 alla Casa della musica (piazzale San Francesco, 1) Provincia e Comune di Parma, con la collaborazione dell’Associazione italiana sclerosi multipla e dell’Unione italiana ciechi, promuovono un incontro aperto a tutti in occasione della Giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità: al centro dell’appuntamento saranno le esperienze di vita e le testimonianze di due ragazze disabili che hanno trovato una loro strada l’una nella scrittura e l’altra nella danza. Dopo la presentazione da parte degli assessori alle Politiche sociali di Provincia e Comune, Marcella Saccani e Laura Rossi, la parola passerà infatti ad Alessandra Cinque e a Erica Brindisi, le protagoniste dell’incontro.

Alessandra Cinque, autrice del Libro “La mia Risposta”, non vedente e affetta da tetra paresi spastica, nel suo volume fa conoscere la propria storia, le proprie passioni, l’amore incontrato insieme alle durezze della vita.  “Le parole mi sono sempre piaciute – ha scritto – ma non avrei mai creduto di riuscire a metterne in fila così tante… tanto da riuscire attraverso di loro a dire la mia intimità più profonda”.

Erica Brindisi è invece ballerina. Nel 2006 ha scoperto di essere affetta da sclerosi multipla, ma in lei la passione per la danza è così forte che neanche la malattia le ha impedito né le impedisce di salire sul palco e volteggiare, pur appoggiandosi a una stampella. Del suo spettacolo “Smania di Vivere” ha detto: “Desidero che portino a casa una sensazione positiva. Di persone che come me vanno avanti e non si abbattono di fronte alle avversità ce ne sono tante. Vorrei solo essere anche la loro voce”.

Mercoledì 5 dicembre al Teatro Europa la Provincia ed Europa Teatri, con il sostegno di Fondazione Cariparma, organizzano invece una giornata interamente dedicata allo spettacolo “Vivere spettinata. Donne e disabilità”, a cura di Franca Tragni. Lo spettacolo, di e con Virginia Canali, Alessandra Cinque, Giuliana Costanzo, Annalisa Dallasta, Fernanda Esposito, Elisa Longeri e Franca Tragni, è scaturito da un lungo percorso di riflessione e confronto sulla disabilità condotto dalle interpreti, all’interno del quale un passaggio importante è stato rappresentato dal laboratorio teatrale “Genere e disabilità” curato da Franca Tragni.“Vivere spettinata. Donne e disabilità” andrà in scena mercoledì 5 dicembre al Teatro Europa (via Oradour, 14) in due rappresentazioni: alle 10 per gli alunni delle scuole di Parma e del Parmense, e alle 21,15 per la cittadinanza (prenotazione obbligatoria fino a esaurimento posti al numero 0521-243377 o alla mail info@europateatri.it). L’ingresso è libero.

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette