di Arianna Torelli
Acqua, elemento liquido portatore di vita, ma anche portatore di morte. L’evento “Perceptions _ liquide” – che durerà da mercoledì 12 dicembre alle 12.00 a venerdì 21 dicembre alle 24.00, all’interno della Galleria Sant’Andrea (via Cavestro) – nasce infatti nei giorni che seguono lo tsunami in Giappone. Il suo ideatore Paolo Ferretti, come molti, ha provato orrore davanti alle immagini della catastrofe, tra le quali l’immensità dell’acqua che ininterrottamente passava davanti agli occhi del telespettatore. Così ha deciso di iniziare questo progetto poliedrico e multimediale che parte dall’acqua e  si compone di quadri,  fotografie e installazioni, ma anche di video e suoni. Non solo acqua però in questo progetto artistico, ma tutto quanto è elemento liquido: amniotico, celebrale, seminale.
L’intento di Ferretti è di coinvolgere artisti diversi per quanto riguarda la parte dedicata alla fotografia e ai suoni. Le foto effettivamente esposte non potranno essere più di 10 oltre a quelle dell’artista, ma tutti gli scatti  pervenuti saranno comunque utilizzati per la realizzazione di una grande installazione.
Per Ferretti la Galleria Sant’Andrea non è uno spazio nuovo: già ad aprile ha partecipato alla collettiva dei soci Ucai “Concetti, Forme e Colori”, anticipando i contenuti di “Perceptions_liquide”, mentre nel 2011
ha trasformato l’antica chiesa rinascimentale in un immenso cantiere da cui, tra teli da imbianchino ed attrezzi vari, ha fatto emergere le sue opere e quelle dei fotografi.
“Anche un singolo segno – dice l’artista – tracciato su di una semplice superficie, roccia, muro, tela o schermo al plasma , guardato dalla giusta angolazione, rivela l’anima di chi lo ha tracciato”. Un’anima che, come quella di Paolo Ferretti, presta attenzione ad ogni singolo elemento della vita sulla terra. Info: www.ucai-parma.it
Articolo Precedente

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: