All’interno della rassegna Altre Narrazioni si è svolta giovedì 29 presso la sala dell’oratorio novo della biblioteca civica di Parma “Un minuto fa”. Titolo insolito per una serata letteraria. Ma efficace. Il sottotitolo raccontava qualcosa di più: For sale. Baby shoes. Never worn. Il romanzo in sei parole di Hemingway, letteralmente: In vendita. Scarpe da bambino. Mai usate.

Una serata di microracconti che sono stati inseriti in micro pubblicazioni stampigliate con il marchio Voici la Bombe, editore clandestino che ha aderito al progetto. Oltre ai racconti per così dire “autoctoni”, parmigiani, molti autori, più e meno noti, da ogni parte d’Italia, hanno accettato di collaborare inviando un loro contributo. Fra questi Leo Ortolani, l’autore di Rat-Man, e Luigi Romolo Carrino che è stato ospite della serata durante la quale ha presentato l’ultimo romanzo, Esercizi sulla madre. Ospiti “fuori contesto” quelli di Baretto, serie web interamente prodotta a Parma che, hanno presentato due mini episodi da un minuto dedicati alla serata. Vari autori si sono susseguiti nella lettura delle opere in un susseguirsi di registri e stili, alternando risa e tristezze momentanee. Un ritmo incalzante che ha ridotto le due abbondanti ore a tempo risicato e appena sufficiente a contenere l’evento.

La Biblioteca Clandestina Errabonda, che ha gestito la serata per la biblioteca civica, in collaborazione con la Tana dell’Orso, si è rivelata anfitrione all’altezza del compito.

Le micro pubblicazioni frutto della serata (tre Voici La Bombe o più) saranno poi abbandonate in ogni dove, secondo la filosofia dell’editore, con particolare cura ai luoghi in cui le attese abbiano il bisogno di esser riempite, laddove si possa formare una fila.

Notevole il successo di pubblico, decisamente superiore a quello di iniziative analoghe, al punto da chiedersi se non sia il caso di ripetere l’esperienza. Interrogato in merito, Alessandro Cinelli, deus ex machina della Biblioteca Clandestina Errabonda, si è detto convinto che la formula potrebbe funzionare e che, con qualche piccolo sforzo, sarebbe realizzabile un appuntamento fisso, magari per il prossimo anno. Gli interlocutori istituzionali sembravano convinti. Non resta che attendere.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: