di MARCELLO VALENTINO

Premesso che i politici italiani di ogni ordine e grado sono i più grandi ballisti del pianeta in tempi normali, figuriamoci quando si trovano in campagna elettorale: le balle che raccontano sono amplificate fino a farci credere che gli asini volano. E infatti gli asini volano: sono tutti quelli che li votano. Ora, per aprirci un po’ la mente, cerchiamo di fare un minimo di analisi. Chi ha creato il debito pubblico? L’altra sera da Santoro c’era Berlusconi. Orbene, che domande hanno fatto a Berlusconi i giornalisti chiamati lì da Santoro, Travaglio in testa? Domande del cazzo, tanto che il Cavaliere li ha presi ben bene per il culo e li ha consigliati di andare alle scuole serali. Non che io abbia nulla contro le scuole serali, ma lì ci va chi deve recuperare gli anni perduti. Detto questo, Berlusconi ha vinto 10-0, quasi c’è da pensare se non li avesse comprati tutti. Una domandina tipo: Cavaliere, secondo lei, non sarebbero da processare i politici che negli anni hanno creato il debito pubblico? Oppure, ma se lei venisse rieletto, dimezzerebbe gli stipendi ai politici, annullerebbe il finanziamento ai partiti, eliminerebbe i finanziamenti ai giornali? Macchè, nulla. Travaglio gli va a ricordare dei suoi trascorsi con una bella letterina, come a Babbo Natale, sperando che gli portasse in dono la sua scomparsa dalla politica. Ma voi, al posto di Berlusconi, con i politici che ci troviamo in Italia, gli lascereste mano libera per ridurvi all’impotenza? 

Io mi difenderei con le unghie e con i denti, e voi? Ma torniamo indietro, chi secondo voi è stato più furbo? Berlusconi o Santoro? Travaglio o la Costamagna? Quelli che avrebbero dovuto essere i mattatori si sono fatti mattare dal toro, se poi li ha pagati questo non lo so. Ma questa è la figura che hanno fatto. C’è un vecchio detto che mia Mamma in alcune circostanze, pronunciava in napoletano, ve lo traduco: Gesù, Giuseppe, Sant’Anna e Maria, squaglia diavolo e vince Dio. Ma da Santoro non si è avverato. Ora vengo a Grillo: l’altra mattina davanti agli uffici dove si depositano i simboli elettorali, accerchiato dai giornalisti, spiegava che le banche vanno attaccate e che il debito pubblico può essere rinegoziato, altrimenti gli italiani con questi tassi non lo pagheranno mai ecc… Benedetto Grillo, a Parma hai vinto le elezioni e l’amministrazione di Pizzarotti si è trovata 850 milioni di debiti con le banche, ma a distanza di 8 mesi il superesperto di conti, Capelli, non ha fatto niente per paura che le banche bloccassero gli stipendi ai dipendenti del Comune. 

E’ così? Ora io dico, ma quello che ti esce dalla bocca è collegato al cervello o le due cose agiscono indistintamente? A Parma, vi dirò di più, si pensa di chiedere altri prestiti ad altre banche per Stt e le altre partecipate. Altri prestiti? Non sarebbe meglio  prima iniziare una causa contro le banche e fare periziare i conti? 

Lo dico da più di un anno e con me la stessa Wally Bonvicini, ex candidata sindaco e presidente di Federitalia, che tra l’altro li farebbe periziare in maniera del tutto gratuita. Eppure  le è stato risposto picche. Ma allora Grillo che diavolo dice? 

Io, da parte mia, vi dico che il nulla non ha mai cambiato nulla e i politici italiani sono il nulla. Sono solo buoni di venire nella nostra dispensa a mangiarci il pane, quel poco che ci rimane. Il mio consiglio: fate come me, il giorno delle votazioni prendete dalla dispensa il vostro pane, quel poco che vi rimane, e andatevene al mare a mangiarvelo, buon appetito. 

Morale: Santoro ha raggiunto il suo scopo, lo share. Berlusconi il suo, 3, 4 punti percentuali in più per il suo partito, più tutte le prime pagine dei quotidiani. 

Grillo vincerà una poltrona nuova fiammante, un po’ più bella di quella di Pizzarotti e soci qui a Parma, e noi ci troveremo con la dispensa vuota. Meditate gente, meditate: prendete la mano destra, piegate l’indice, l’anulare e il mignolo e tenete ben dritto il medio e vedete cosa succede: è quello che vi fanno tutti i giorni questi politici. 

Magari non proprio con il dito medio.   

Articolo Precedente

Articolo successivo

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: