pickles and ice cream

di Marco Santachiara

La gravidanza è un periodo delicato ed importante nella vita di ogni donna. Per questo motivo è indispensabile prestare molta attenzione a tutto ciò che può influenzare il bambino, compresa, ovviamente, l’alimentazione. Se la madre mangia cibo spazzatura, prende il via un processo che modifica la tolleranza agli oppioidi nel feto, che renderà il bambino meno sensibile a queste sostanze, rilasciate quando si consumano alimenti ad alto contenuto di grassi e di zuccheri.
Il piccolo potrebbe sviluppare una vera e propria dipendenza dal cibo da fast food, sentendo il bisogno di mangiarne di più per ottenere una fittizia sensazione di benessere, a causa delle cattive abitudini alimentari materne.
In cerca di conferme dopo indagini passate, la dottoressa Muhlhausler e compagni dell’Università di Adelaide hanno lavorato su cavie animali. Alcune femmine gravide sono state nutrite con junk food: poi, dopo il parto, i cuccioli sono stati esaminati. I piccoli risultavano così meno sensibili agli oppiodi, i composti rilasciati dal cervello durante il consumo di alimenti ricchi di grassi e zuccheri e capaci di dare una sensazione di benessere. Cercando questa sensazione piacevole, la cavia cercava di superare l’assuefazione consumando dosi maggiori.
La ridotta sensibilità agli oppioidi naturalmente rilasciati dal cervello a seguito del consumo di cibi grassi o zuccherini ne causa immediatamente la dipendenza, spingendo i bimbi a mangiare sempre più cibo spazzatura per ottenere la stessa sensazione di benessere che avrebbe potuto ottenere con una minore, se non nulla, quantità di quello stesso alimento. Lo studio, realizzato sul modello animale, ha dimostrato come i cuccioli le cui madri erano state alimentate con cibo spazzatura, sia durante la gravidanza che l’allattamento, erano meno sensibili agli oppioidi e avevano un alterato rilascio di dopamina.
La dottoressa Muhlhausler spiega come questo studio permetta di informare meglio le donne in gravidanza sull’effetto duraturo che l’alimentazione che scelgono di tenere durante la gestazione avrà sulle scelte alimentari del nascituro, ed il conseguente rischio di malattie metaboliche. Una dieta sana, quindi, importante in ogni fase della vita, diventa ancora più importante in gravidanza, quando tutto quello di cui la donna sceglie di nutrirsi è anche il cibo del suo bambino.
La speranza è quella che le future madri scelgano uno stile di vita più sano, che promuova la salute anche del bimbo.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: