Sono passati due anni dal disastro di Fukushima, ma l’area circostante è ancora off-limits e continuerà ad esserlo per chissà quanto tempo. La città di Namie-machi è vuota dal momento dell’evacuazione l’11 marzo del 2011 e adesso Google ha caricato immagini su Street View di quello che rimane di quell’area dopo i catastrofici eventi di due anni fa.

Porto
Porto
Centro
Centro

Namie-machi, che una volta ospitava 21 mila persone, ha rivisto una presenza umana lo scorso mese grazie alle troupe di Street View che hanno attraversato con le solite auto equipaggiate di fotocamere le strade cittadine completamente vuote. Le persone che vivevano lì hanno dovuto affrontare non poche difficoltà per essere state costrette a lasciare le porprie case e non sapere che fine avesse fatto la loro città non deve avere reso le cose più facili.

Scuola
Scuola
Case
Case

La speranza è che queste immagini possano aiutarle, almeno un po’.
Il sindaco della città, Tamotsu Baba, ha diffuso un comunicato pubblicato dal blog giapponese di Google.
“Dal disastro di marzo, il resto del mondo è andato avanti e molti posti in Giappone hanno iniziato la ricostruzione – scrive il sindaco -. Ma a Namie-machi il tempo i è fermato. Con il presistente rischio nucleare, abbiamo potuto fare sololavori veloci e sbrigativi in questi due anni. Apprezzeremmo molto se vedeste queste immagini di Street View per capire quale sia l’attuale stato di Namie-machi e la gravità della situazione”.

fonte: Gizmondo

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: