celiachia

di Elisa Cardinali

Gli alimenti che mangiamo più frequentemente sono anche quelli che possono provocare i sintomi più tipici delle intolleranze come gonfiore addominale, colite, crampi, acidità di stomaco e dermatiti. In Italia l’alimento di maggior consumo è il frumento e, molto spesso, si commette l’errore di confondere l’intolleranza a questo cibo con la celiachia che è un’intolleranza permanente al glutine ed, in particolare, a delle proteine dette gliadine presenti nel grano, nel farro nell’orzo, nel kamut, nella segale, nella spelta e nel triticale. Se la celiachia, di cui è presente una spiccata componente familiare, viene diagnosticata tramite una biopsia dei villi intestinali che risultano appiattiti e ridotti, l’intolleranza al frumento viene individuata tramite un’analisi delle IgG, che evidenziano il contatto ripetuto e frequente con quest’alimento. Nell’individuo celiaco, al momento, l’unica terapia consiste nell’esclusione completa degli alimenti contenenti frumento, mentre per l’individuo intollerante è possibile guarire gradatamente rieducando il corpo a tollerarlo. Tuttavia, nonostante le evidenti differenze, almeno inizialmente, le due diete possono coincidere per diversi giorni della settimana in cui gli alimenti contenenti frumento saranno banditi anche per l’intollerante e saranno sostituiti con alimenti alternativi. E’ bene comunque mantenere una alimentazione equilibrata e bilanciata con tutti i nutrienti anche per i giorni di esclusione. La colazione potrebbe essere impostata con gallette di riso, mais o grano saraceno su cui spalmare ricotta magra e marmellata o miele. A pranzo e a cena la fonte di carboidrati sarà costituita da riso, pasta di mais, patate, polenta, miglio e quinoa mentre per fonti proteiche, verdura e frutta non esistono limitazioni particolari anche se alimenti troppo grassi andrebbero limitati per non infiammare un intestino già indebolito e provato.
E’ una buona abitudine mantenere gli spuntini per tenere sotto controllo la produzione di insulina e, anche qui, la scelta può essere ampia: frutta fresca, yogurt, latte, gelati e sorbetti senza addensanti, gallette farcite con formaggio o affettati magri (gluten free).
Infine non va trascurata la scelta delle bevande: soprattutto quelle alcoliche come birra, whisky, gin e vodka contengono frumento e andrebbero evitate, mentre per l’assunzione di spremute, latte vaccino, tè, tisane, latte di riso, avena e soia non ci sono controindicazioni, ma un attento controllo dell’etichetta nutrizionale è sempre consigliabile.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Articolo Precedente

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: