SL703989

Le proteste dei lavoratori e dei sindacati, l’interessamento alla viceda da parte dei parlamentari locali e del sindaco, sembrano aver condotto ad un primo, parziale risultato: il gruppo Sidel ha infatti diffuso una precisazione in cui si afferma come l’azienda non abbia in previsione “una ristrutturazione ma che è attualmente impegnata ad esaminare con diversi gruppi di dipendenti un progetto che comporta due principali cambiamenti organizzativi”.Il primo di questi cambiamenti in programma è rappresentato dall’ottimizzazione “della propria organizzazione vendite in Europa, Medio Oriente ed Africa per rafforzare il servizio alla clientela. Il secondo, il consolidamento in un’unica azienda del proprio know-how in ingegneria, integrazione delle linee e soluzioni di packaging per il fine linea con l’obiettivo di cogliere nuove opportunità di mercato”. Sidel, infine, “desidera riaffermare il proprio impegno nei confronti della propria presenza in Italia ed è interessata a perseguire nuove opportunità di mercato offrendo il prioprio know how ingegneristico non solo all’interno del Gruppo ma anche a terzi. Sidel è una società che opera indipendentemente da altre società del Gruppo”.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: