Published On: Mer, Apr 3rd, 2013

40 bovini morti di stenti a Fontanellato, Zanoni: “Olocausto animale”

L’europarlamentare Andrea Zanoni invita le associazioni animaliste a costituirsi parte civile nel processo

Mucche Fontanellato

Il blitz dei Carabinieri della Stazione di Fidenza (PR) ha permesso di scoprire l’inferno che stavano vivendo 80 poveri animali. Durante l’operazione, sono stati trovati 40 bovini morti di fame e sete. L’eurodeputato Andrea Zanoni ha affermato: «È inconcepibile arrivare a una tale crudeltà. Mi auguro venga condannato il responsabile di tanta sofferenza e invito le associazioni animaliste a costituirsi parte civile nel processo per maltrattamento»

Il controllo incrociato dei Carabinieri della Stazione di Fidenza (PR) e dei veterinari dell’Asl ha permesso di porre fine ai maltrattamenti che stavano subendo alcuni poveri bovini in una stalla a Fontanellato (PR). Gli agenti, durante l’operazione scattata dopo una segnalazione anonima, hanno trovato vacche, manze e vitelli deceduti.

Nella struttura erano ricoverati 80 animali, ma ben 40 sono stati trovati cadaveri. Le analisi veterinarie sui bovini morti hanno escluso l’ipotesi che ci fosse in corso qualche patologia che abbia causato i decessi.

Il proprietario dell’azienda agricola aveva affidato la gestione degli animali tramite soccida, un contratto diretto tra chi possiede il bestiame e chi lo alleva. Dopo il rapporto all’Autorità Giudiziaria, sono in corso verifiche per appurare eventuali responsabilità del proprietario per la morte dei bovini e la malnutrizione di quelli rimasti in vita.

I veterinari dell’Asl hanno anche accertato che gli animali ancora in vita erano tenuti in pessime condizioni, senza cibo e acqua tanto da essere disidratati. La donna che gestiva gli animali è stata denunciata e la stalla è stata posta sotto sequestro. Gli animali sopravvissuti sono stati trasferiti in un’altra stalla e riconsegnati al proprietario.

L’eurodeputato Andrea Zanoni, vice Presidente dell’Intergruppo per il Benessere degli Animali al Parlamento europeo ha affermato: «Non ci sono parole per condannare quello che definirei un olocausto animale. Non ci sono giustificazioni a una simile crudeltà: nessuna scusante per esseri viventi lasciati morire lentamente di fame e sete tra sofferenze inimmaginabili. Complimenti agli agenti che sono riusciti a porre fine all’inferno di queste povere creature. Invito le associazioni animaliste a costituirsi parte civile nel processo per maltrattamento di animali e mi auguro che gli inquirenti facciano chiarezza sulle responsabilità in gioco in questa vergognosa vicenda».

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette