Vettel Bahrain

Sebastian Vettel ha vinto dominando il GP del Bahrain, quarta gara del mondiale di Formula 1. Il pilota tedesco partito dalla prima fila ci ha messo poco più di un giro per sbarazzarsi del poleman Nico Rosberg per poi imporre il suo ritmo forsennato alla gara. Vettel nonostante una sosta in più ha tenuto a bada le due Lotus che come al solito hanno optato per una strategia a due sole soste con Kimi, a tre con Grosjean.

Gara sfortunata per Fernando Alonso che sin dalle prime battute ha perso l’utilizzo del DRS che per ben due volte di è bloccato costringendo lo spagnolo a due soste aggiuntive ai box. Nonostante questi problemi, Fernando ha concluso in ottava posizione la sua gara.

Quarto posto per Paul Di Resta con la Force India che ha fatto una gara a due soste. Quinto Hamilton, autore di una bellissima battaglia con Webber nel finale, sesto Perez, seguono Webber, Alonso, Rosberg e Button.

Cronaca

Temperatura pista 41 gradi, aria 29, umidità 38%

Rosberg in partenza chiude Vettel che alla prima curva perse la posizione a vantaggio di Alonso, ma poco dopo il tedesco si riprende la posizione. Vettel nel corso del secondo giro è molto aggressivo su Rosberg che chiude come può le traiettorie.

Vettel al terzo giro passa Rosberg che non può resistere oltre agli attacchi del tedesco. Button fa il giro record al secondo passaggio in 1:42.654. Alonso prova su Rosberg che in staccata torna davanti, Vettel al comando fa il giro record in 1:41.960 migliorato al quarto giro in 1:41.417. Alonso alla fine del quarto giro passa Rosberg e si lancia all’inseguimento di Vettel.

Massa ha l’ala anteriore danneggiata nella parte sinistra mentre Alonso ha il DRS guasto, è sempre aperto tanto che viene richiamato ai box nel corso dell’ottavo giro.

Lo spagnolo della Ferrari è costretto a fermarsi in anticipo per sistemare il DRS, ora v’è una strategia da modificare. Alonso nel corso del nono giro è costretto ancora ai box per il DRS che rimane aperto, non potrà usarlo in gara oggi.

Ai box al giro 10 Button, Rosberg e Ricciardo mentre Alonso dopo le due soste forzate è 18esimo. Vettel ai box giro 11 con Massa, Hamilton e Maldonado mentre Webber è record con 1:40.030.

Massa supera Grosjean e passa in ottava posizione mentre Di Resta torna ai box al giro 15 e rientra settimo. Vettel torna davanti dopo aver superato Kimi Raikkonen, ancora con le gomme medie della partenza.

Raikkonen perde decimi preziosi su Vettel ad ogni giro, ma il finlandese è su due soste. Massa costretto a rientrare ai box dopo soli sei giri dalla sua prima sosta, posteriore destra era danneggiata e vibrava. Ritiro per Vergne al giro 19.

Classifica dopo 18 giri: Vettel, Webber, Rosberg, Button, Grosjean, Perez, Di Resta, Hamilton, Raikkonen, Hulkenberg, Maldonado, Alonso, Bottas, Ricciardo, Massa, Pic, Bianchi, Chilton, Gutierrez, Sutil, van der Garde.

Button passa Rosberg e diventa terzo mentre poco dopo Rosberg e Perez tornano ai box per il cambio gomme. Grosjean intanto è vicinissimo a Button e in lotta per la terza posizione.

Webber e Button vanno ai box al giro 22 mentre in pista Perez è in gran lotta con Rosberg per la decima posizione. Perez riesce a superare Rosberg, Massa supera Bottas per la 13esima posizione.

Alonso dopo le due soste per il DRS è ottavo, ma non ha ancora cambiato le gomme. Si ferma anche Hamilton, seconda sosta per lui al 23esimo giro. Perez supera Rosberg, Button fa lo stesso e tenta l’attacco sul compagno di squadra, ma il messicano chiude la porta rischiando il contatto.

Alonso al 25esimo giro fa il suo primo pit stop per le gomme dopo i due per il DRS, Vettel si ferma al giro successivo. Il tedesco torna davanti nonostante la sosta, è il leader della gara. Di Resta supera Grosjean per la seconda posizione, Button infila Perez per la sesta.

Classifica dopo 26 giri: Vettel, Di Resta, Grosjean, Raikkonen, Webber, Button, Perez, Rosberg, Massa, Hulkenberg, Bottas, Hamilton, Alonso, Maldonado, Ricciardo, Pic, Gutierrez, Sutil, Bianchi, Chilton, van der Garde.

Massa ai box per la terza sosta al giro 29. Button e Perez ingaggiano una lotta durissima, prima il messicano di rimette un pezzo di ala anteriore, poi al giro successivo si arriva al contatto con le gomme. Perez cattivissimo oggi, è lotta con tutti, ma Grosjean lo passa al giro 33 all’esterno.

Al giro 34 Kimi Raikkonen passa Di Resta e si prende la seconda posizione, mentre Hamilton e Alonso recuperano decimi preziosi sul gruppetto Button, Grosjean e Perez. Raikkonen va ai box per la seconda sosta al giro 35, ultima sosta per lui. Si ferma anche Button.

Al giro 36 tra i primi 10 tutti con le Hard tranne Grosjean e Rosberg che hanno le medie. Hamilton passa Perez e passa in sesta posizione. Di Resta si ferma al giro 37, Massa ancora ai box per una nuova foratura inattesa alla posteriore destra.

Raikkonen con gomme nuove fa il giro record al 36esimo passaggio ma Rosberg lo batte con 1:38.296 al giro dopo. Il finlandese passa Perez ed è quinto.

Rosberg arriva al contatto con Webber, Hamilton ai box al giro 39. Alonso e Perez ai box al giro 40 insieme a Maldonado. Il contatto Rosberg-Webber viene messo sotto investigazione dai commissari.

Classifica dopo 40 giri: Vettel, Grosjean, Raikkonen, Di resta, Webber, Button, Rosberg, Hamilton, Perez, Alonso, Hulkenberg, Bottas, Maldonado, Massa, Ricciardo, Sutil, Pic, Gutierrez, Bianchi, Chilton e van der Garde.

Alonso fa il giro record al 41esimo passaggio in 1:37.204, Vettel torna ai box al giro successivo ma rientra sempre al comando davanti a Raikkonen, Grosjean è ai box.

Sutil fa il giro record al 44esimo passaggio con 1:37.070.

Arriva la comunicazione dei commissari, Webber e Rosberg verranno investigati dopo la gara. Rosberg ai box, quarta sosta per lui al giro 45. Dopo 46 giri tutti su 3 soste, Kimi e Di resta due, Alonso, Massa, Gutierrez, Rosberg e van der Garde 4.

Perez passa Button al giro 47, Alonso fa lo stesso due curve dopo. Classifica giro 46: Vettel, Raikkonen, Di Resta, Grosjean, Webber, Hamilton, Perez, Alonso, Rosberg e Bottas, Button ai box.

Alonso passa anche Perez, è settimo mentre Vettel è leader davanti a Raikkonen e Di Resta. Quarto Grosjean, seguono Webber, Hamilton, Alonso, Perez, Rosberg e Button.

Top 10 giro 48: Vettel, Raikkonen, Di Resta, Grosjean, Webber, Hamilton, Alonso, Perez, Rosberg e Button.Alonso deve recuperare 1,8 secondi su Hamilton che è sesto.

Hamilton passa Webber, è quinto a sei giri dalla fine. Grosjean passa Di Resta al giro 52, è terzo e sul podio! Webber passa Hamilton e al giro 53 si riprende la quinta posizione. Alonso non molla su Perez che lo spinge fuori, tenta all’esterno alla curva 10, ma la McLaren è veloce in rettilineo.

E’ battaglia anche tra Webber e Hamilton con l’australiano che fa due cambi di traiettoria sul rettilineo principale. Hamilton all’inizio dell’ultimo giro passa Webber alla curva 1, lo stesso fa Perez.

Vettel va a vincere il GP del Bahrain, a podio le due Lotus. Di Resta manca ancora una volta l’appuntamento con il podio, quinto Hamilton davanti a Perez e Webber. Alonso è ottavo davanti a Rosberg e Button. Massa solo quindicesimo.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: