allagam

Il Parmense soffre. Non è solo la montagna con le sue frane a preoccupare, con la pioggia che continua a cadere anche in pianura si sono verificati diversi problemi a causa di canali e corsi d’acqua minori che sono tracimati. E’ quello che è successo nella Bassa Ovest con gli allagamenti in prima mattinata della Sp 12 di Soragna a Chiusaferranda, sp 33 Colorno-Sissa a Casalfoschino, sp 11 a Paroletta, sp 63 a Toccalmatto, sp 71 a Coduro, sp 9 a Rivarolo di Torrile. Sulla sp 54 delle Terme ci sono almeno sei punti con smottamenti. 

A Sorbolo è chiuso il Ponte sull’Enza, procedura che viene attivata dalle due Province con Aipo quando l’Enza supera i 10metri e mezzo.
Anche a monte di Parma si registrano diversi allagamenti: sulla sp 513R di Traversetolo e sulla sp 665R nel comune di Parma fra la tangenziale e Fontanini. A Gaione nella zona agricola fino al Campus diversi canali sono tracimati e il torrente Cinghio ha già invaso la golena.
Rispetto al bollettino strade di ieri – spiega Gabriele Alifracodirigente del servizio Ambiente e Viabilità della Provincia – è peggiorata la situazione della sp 15 fra Calestano e Berceto nelle zone di Casa selvatica dove c’è la frana storica, a Riva dei preti con caduta massi, in località Chiastre, Armorano. Anche la frana del Cervellino che si è rimessa in moto in alcuni punti. Stiamo valutando il da farsi compresa la possibile chiusura con permesso di transito solo ai locali”.
Sono peggiorate le condizioni per smottamenti della sp 308 a Solignano e della sp 110 Varano Solignano. Rimane chiusa la sp 112 di Pessola, in quanto non è possibile eseguire l’intervento col maltempo, e la 104 tra Cassio e Solignano.
Anche a Tizzano sulla sp 14 si sono verificati smottamenti così come sulla sp 75 a Schia e sulla sp 80 a Scurano. Per quanto riguarda le frane, a Staiola si è formato nel rio delle Acque Assai un laghetto dovuto alla colata di fango che continua a scendere. “Mediamente sul territorio da ieri a mezzogiorno a stamattina alle 10 sono caduti 40-50 mm di acqua, sono piogge più intense rispetto a quelle di qualche giorno fa e che hanno provocato le prime piene primaverili – continua AlifracoLa più elevata al momento è quella del Baganza entrato nella prima soglia di allarme questa mattina alle 5 e alle 11 ha fatto registrare all’idrometro storico di Ponte Nuovo un valore di 1,89metri. In questo momento si sta verificando una pausa delle precipitazioni, ma l’allerta meteo continua fino a domenica”.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: