Published On: Mar, Apr 9th, 2013

Fallimento Spip, Pcl chiede le dimissioni di Capelli

simbPCL10x10azzurro

Il Partito Comunista dei Lavoratori chiede le dimissioni dell’assessore al Bilancio, Gino Capelli, a seguito del fallimento di Spip decretato dal Tribunale di Parma.

“Per la terza volta ci ritroviamo a chiedere le dimissioni dell’Assessore Capelli.

La disamina condotta sul Fallimento della Spip è buonista ed autoassolutoria sia su un versante economico che su un versante politico.

Economicamente perché la risposta delle banche racconta di un “sistema città” che vi sta chiaramente dicendo quanto la vostra visione sociale sia sociopatizzante: dai genitori alle banche, dai commercianti ai dipendenti comunali, non c’è soggetto istituzionale o sociale che non vi stia suggerendo un incedere errato e classista. Ed al quale non abbiate risposto in modo autoritario e sedicentemente superiore. Caro Assessore, glielo spieghiamo noi l’atteggiamento delle Banche: nemmeno alle Banche conviene una popolazione stremata ed affamata. Ed è questo quello che voi non avete capito, il ruolo che non avete voluto assumere. Parma muore di fame, strangolata tanto dal servilismo confindustriale di chi vi ha preceduti quanto dal vostro. D’altronde i padroni sono alla fin fine i medesimi, cosi come gli elementi da considerare schiavi. Il paradosso di un Capitalismo in chiara fase  Rococò è che proprio per questo vostro essere più realisti del Re state per essere scaricati anche da quelle figure in seno ad Upi che intendevate tutelare. La nostra economia ha bisogno di pane, non di Riba: se ne faccia una ragione!

Politicamente, invece, la situazione racconta di un’iniziativa moralmente inaccettabile: raccontare ai cittadini che il Fallimento Spip avrebbe comportato un declassamento bancario, e raccontarlo per giustificare misure e tagli eticamente rivoltanti, per poi successivamente affermare che lo stesso fallimento non avrebbe avuto conseguenze serie per il Comune racconta qualcosa dell’onestà intellettuale di questa amministrazione.

Perché se la improbabilità della retrocessione  vi era già nota, come minimo avete mentito alla Commissione Audit e a chi ha manifestato sotto i Portici del Grano, giustificando l’ingiustificabile.Oltre ovviamente ai molti soggetti cui avete fatto tirare la cinghia.

Se viceversa dicevate il vero, e cioè il down-rating è un pericolo concreto che porterà alla  ricontrattazione bancaria dei Tassi, allora è scellerato il minimizzare a cinque stelle che state mettendo in scena oggi.

In entrambi i casi resta da chiedersi come possiate guardare negli occhi i vostri dipendenti, i vostri concittadini, i genitori dei nostri bambini, ai quali avete chiesto sacrifici enormi in nome di una situazione che non avete saputo realizzare.

Dottor Capelli, lei è l’artefice di un telaio economico/finanziario a Cinque Stelle che si sta rivelando fallimentare e impoverente: le chiediamo un gesto di responsabilità, e quindi le rinnoviamo la richiesta di Dimissioni. D’altronde il recente passato ci ha dimostrato che il suo livello di perfomance è raggiungibile da un qualsiasi Commissario Prefettizio, e quindi rimane un mistero il motivo per cui vada a considerarsi centrale la sua presenza in seno alle nostre istituzioni cittadine. Viste le molte aziende in crisi e considerate le sue qualità, dimostrate con la Guru, riteniamo faccia il bene di tutti a tornare alla propria professione. Nessuno ingaggia Arturo Toscanini per dirigere il traffico: è un’evidenza con cui dovrà confrontarsi, che ne dice?

Anche perché ci pare evidente che nel prossimo round (STT) stia per dimostrare di aver veramente imparato poco o nulla sia dalla vicenda Spip che dagli imput arrivati dalla collettività: anche in questo si sta dimostrando l’uomo giusto al posto sbagliato, dottor Capelli.

Per quanto ci riguarda, come Partito Comunista dei Lavoratori, non possiamo che guardare con soddisfazione alla decisione della Procura, grazie alla quale (e nonostante i vostri tentativi) gli indagati avranno procedimenti con tempi di prescrizione più lunghi e prevedenti reati come la Bancarotta fraudolenta. Speriamo che cosi chi ha devastato Parma paghi. Nonostante il Movimento Cinque Stelle.

Partito Comunista dei Lavoratori – Sezione Frida Khalo”

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette