Massa e Alonso, piloti Ferrari

Dopo i primi due GP della stagione 2013 di Formula 1 in Australia e in Malesia, il bilancio in casa Ferrari è moderatamente positivo. Consapevoli della competitività della F138 e dei buoni risultati ottenuti dai suoi piloti, Fernando Alonso e Felipe Massa, la scuderia di Maranello guarda al futuro con ottimismo. I due vivono però momenti contrastanti: mentre lo spagnolo è reduce dall’uscita di pista a Sepang, il brasiliano ha invece ottenuto il quinto posto e ha scavalcato il compagno di squadra in classifica generale, precedendolo di 4 punti.  In un’intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport, lo stesso Massa si mostra fiducioso in vista di un suo possibile ritorno alla vittoria che manca ormai dal 2008, anche se per il momento mantiene un atteggiamento prudente: “Sono molto fiducioso, penso che si possa tornare a vincere. In Malesia non avevamo la macchina per farlo, ma sicuramente il ritmo era buono. Senza i problemi di graining all’inizio  avremmo potuto lottare per il podio. La cosa importante era portare a casa punti, per questo il quinto posto non è stato poi così male. Ora dobbiamo mantenere i piedi per terra: abbiamo fatto un buon lavoro con la macchina, ma dobbiamo impegnarci molto per svilupparla e renderla ancora più competitiva. Penso che, se proseguiremo in questa direzione, potremo vincere delle gare e lottare per il Mondiale”. A fare eco alle parole di Massa c’è anche l’ex campione del mondo spagnolo che a Shangai ha dichiarato: ‘‘Se riusciamo ad avere un fine settimana con condizioni normali, possiamo fare una buona qualifica e conquistare punti importanti. Vogliamo ottenere più rispetto alla scorsa stagione, quindi quest’anno in Cina e Bahrain è relativamente facile migliorare. Se arriviamo in Europa con tre podi all’attivo, sarà ottimo per il morale”. Alonso non crede che la Red Bull sia inarrivabile: “In Australia hanno dominato tutte le sessioni mostrando un passo spettacolare, in Malesia sapevamo che avevano dei problemi con il degrado delle gomme e infatti la Mercedes ha lottato con loro fino alla fine”.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: