301201394035a

Italia condannata dalla Corte di Strasburgo a versare indennizzi pari a 120 milioni di euro nel 2012. Una somma davvero elevata causata dalle violazioni dei diritti dei propri cittadini. Si tratta della cifra più elevata mai pagata da uno dei 47 membri del Consiglio d’Europa. Se sentenze emesse da Strasburgo non ancora eseguite dal nostro Paese sono addirittura 2569: dietro si trovano Turchia, con 1780 e Russia, con 1087. In forza di questi pessimi dati, il Comitato dei ministri del Consiglio d’Europa ha inserito l’Italia al primo posto tra i gruppi delle nazioni sorvegliate speciali.

Tre condanne, in particolare, riguardanti violazioni al diritto di proprietà (la confisca dell’ecomostro di Punta Perotti a Bari, l’espropriazione di un terreno alla società Immobiliare Podere Trieste e la mancata assegnazione delle frequenze televisive a Centro Europa 7) sono costate al contribuente italiano, da sole, quasi 108 milioni di euro.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: