Green-Economy

Secondo diversi studi, le norme europee per le indicazioni ecologiche riportate sulle etichette aumenterebbero la fiducia nel crescente mercato dei prodotti verdi e consentirebbero ai consumatori di fare scelte informate. Un numero crescente di consumatori vorrebbe acquistare prodotti ecocompatibili ma ha difficoltà ad operare scelte informate e consapevoli. I paesi dell’UE usano infatti diversi metodi per misurare le credenziali verdi di prodotti e aziende e i termini utilizzati sulle etichette sono spesso vaghi e fuorvianti. Per sostenere il mercato dei prodotti verdi, la Commissione ha ora proposto norme europee comuni per misurare l’impatto ambientale di prodotti specifici e le prestazioni ambientali di un’organizzazione o società. Tali norme si avvalgono di metodi esistenti e consolidati. La Commissione invita i governi, le imprese e le organizzazioni ad iniziare ad applicarle da subito su base volontaria mettendo a disposizione una serie di orientamenti per l’etichettatura in modo da consentire alle persone di fare acquisti con fiducia. Le indicazioni ecologiche dovrebbero essere trasparenti (includere cioè informazioni sulla procedura di valutazione, le fonti e i criteri utilizzati), pertinenti, attendibili, complete, confrontabili e chiare. Riducendo gli adempimenti burocratici e i costi legati ai metodi diversi seguiti in ambito europeo, le norme comuni dovrebbero incoraggiare le imprese a rendere più verde la loro produzione. Verrebbe inoltre favorita la concorrenza leale tra imprese che applicano le stesse regole. Si ricorda infine che possono essere definiti “verdi” i prodotti che comportano il minore impatto ambientale possibile durante le fasi di produzione, distribuzione e uso, fino alla fine del loro ciclo di vita (incluso il riutilizzo, riciclo e recupero) rispetto a prodotti analoghi della stessa categoria.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: